Settembre: tempo di ripresa. Il miglioramento sostenibile.

a cura della Dott.ssa Maria Bruna Sannelli

Il miglioramento sostenibile.

La pausa estiva volge al termine, è tempo di bilanci e di nuovi progetti.  Molti avranno riposato, alcuni avranno staccato con la solita routine attraverso un viaggio, altri si saranno dedicati con maggiore attenzione alle relazioni familiari ed interpersonali, certo è che la pausa estiva spesso consente di lasciarsi andare ascoltando e rispettando più profondamente la psiche ed il corpo.

In queste pause si è in grado di comprendere cosa piace, cosa non è gradito rispetto al proprio stile di vita, al proprio comportamento alimentare, al proprio corpo, alla vita relazionale, apprezzando le cose che ci appartengono e riflettendo su quelle da rinforzare.  Ognuno di noi deve essere il principale attore attivo e partecipe di questa crescita, quasi come un compito verso se stessi.

Talvolta quello che si sperimenta durante le ferie è una maggiore stima di sé, l’affetto e l’amicizia e la riscoperta del senso della vita, e si ha l’impressione di poter controllare la propria esistenza.

Questa è la resilienza, cioè la capacità umana di affrontare le avversità della vita, superarle ed uscirne rinforzati o addirittura trasformati (Grotberg E.H. 1995).

Le vacanze sono una esperienza, e l’uomo è un essere in divenire che evolve tramite l’esperienza, sceglie, crea, tende all’autorealizzazione, cercando di dare un senso alla propria vita attraverso le relazioni umane che lo aiutano a crescere.

Il riposo è importante per prendere consapevolezza dei propri bisogni da potenziare verso un maggiore benessere psicofisico, senza aspettare le prossime vacanze per il suo raggiungimento.

Porsi degli obiettivi sulla base dei limiti riconosciuti, come:

< sviluppare delle capacità specifiche che facciano crescere ed affrontare meglio le situazioni

< promuovere competenze sempre più funzionali e sviluppare la capacità di affrontare disagi futuri, per migliorare la qualità della vita

< mantenere un benessere fisico prendendosi più cura del proprio corpo.

donna_sett14La Psicologia Positiva afferma che la capacità di costruire relazioni positive e autentiche, l’empatia, l’accettazione e l’integrazione attraverso il corpo, sono fondamentali nella crescita “buona” dell’individuo.

Il miglioramento sostenibile passa attraverso il rinforzo delle emozioni positive, stimolando lo sviluppo delle risorse soggettive per gestire al meglio l’esistenza.

Le risorse necessitano a volte di un investimento energetico, che faciliti la loro integrazione sulla base della richiesta degli eventi da affrontare. Disinvestire energia intrappolata da tensioni psicofisiche, può essere un buon investimento alleato all’investimento della vacanza, per potenziare il proprio bagaglio energetico e partire carichi verso “un nuovo anno lavorativo”.

Ci siamo posti pertanto, nei confronti di tutti voi “amici”, degli obiettivi che favoriscano un buon investimento energetico.

Riprenderemo questo Settembre con attività che vi proporremo per riconoscere i punti di forza e di eccellenza di ogni persona al fine di ampliare il personale repertorio di competenze e promuoverne il benessere.

“ Io ho, Io sono, Io posso” – Grotberg